Salta al contenuto
Rss




Chiesa della Beata Vergine del Buon Consiglio

Inaugurata il 24 novembre 1788 e benedetta da monsignor Stroppiana, era stata voluta da don Giovanni Salvatico, canonico corista in San Pietro a Roma originario di Mindino e vittima di Napoleone Bonaparte e del suo esercito. Salvatico, cappellano dei Disciplinanti, era l'espressione della grande fede degli abitanti di Mindino, in cui erano presenti la Confraternita di San Donato (con ben 117 confratelli nel 1826) e le Consorelle Umiliate (97 iscritte nel 1849).
A quel periodo risalgono le testimonianze di molte grazie fatte dalla Vergine del Buon Consiglio, ma il primo parroco arriva solo nel 1848 è don Antonio Bologna. Con lui parte una lunga serie di lavori per abbellire la Chiesa, la Canonica ed il campanile in vista del centenario della Parrocchia (1888). La Chiesa viene ampliata e quasi riedificata (dopo il terremoto già citato) su un disegno dell'arciprete del Borgo don Unia.
I pittori Vincenzo Odello e Costantino Manelli dipingono i medaglioni e decorano gli altari laterali (nicchie, colonne e cornici), viene incatramata la volta, risistemato il campanile e messo in opera lo scheletro in legno della cupola.
Ad inizio Novecento la Chiesa viene ancora abbellita (orologio, Via Crucis, sacrestia).
Durante la guerra viene rifatto il pavimento ed i fratelli Borgna offrono l'altare. Era già presente don Francesco Roà, prete a cui si deve la costruzione della monumentale Croce sul Mindino (inaugurata il 14 settembre 1969), recentemente restaurata ed illuminata per iniziativa dell'Ana di Garessio.
Come si vede dalle note storiche nel corso di 2 secoli la Chiesa ha subito molti interventi, speriamo che presto la gente di Mindino possa godersi di nuovo la sua Chiesa.

Nel 2002 sono state avviate le pratiche presso la sovrintendenza alle Belle Arti e la Regione Piemonte per ottenere i finanziamenti per la Chiesa della Beata Vergine del Buon Consiglio a Mindino. La chiesa, danneggiata in parte dall'alluvione del novembre 1994 (frana nel vicino ruscello), è ancora segnata da profonde crepe visibili nell'interno sui pregevoli affreschi ottocenteschi ai lati dell'altare.
Inquietante ed evidente lo spostamento dei due scalini che portano all'altare che sulla parte destra testimoniano lo slittamento della Chiesa, dovuto anche alla terra riportata a fine '800 dopo un terribile terremoto. Per fortuna i lavori per consolidare con cemento armato il lato verso Garessio e dal Campanile (spesa di 70 milioni, lavori effettuati dall'Impresa Gallizio dopo le osservazioni dello Studio Martinelli di Torino e del geologo Acquarone) sono terminati ed ora bisogna intervenire all'interno.
In attesa delle sovvenzioni la Chiesa resta chiusa ai fedeli e le messe si svolgono nella vicina Cappella della Confraternita di San Donato.





Inizio Pagina Città di GARESSIO (CN) - Sito Ufficiale
Piazza Carrara n.137 - 12075 GARESSIO (CN) - Italy
Tel. (+39)0174.805611 - Fax (+39)0174.805623
Codice Fiscale: 00351910047 - Partita IVA: 00351910047
EMail: segreteria@comune.garessio.cn.it
Posta Elettronica Certificata: garessio@cert.ruparpiemonte.it
Web: http://www.comune.garessio.cn.it


|